Corso su Ossi di Seppia

"Ossi di seppia": Montale tra paesaggio e 'male di vivere'

A cura di: , Rachele Jesurum , Lorenzo Cardilli , Luca Ghirimoldi , Sara Bandiera , Matteo Pascoletti

43522 visite

12 domande

Poeta centrale per tutta la poesia italiana dell'ultimo secolo, Eugenio Montale ha saputo sin dalla raccolta d'esordio - gli Ossi di seppia del 1925 - mettere a fuoco, con termini che poi sarebbero diventati canonici e convenzionali, le grandi tematiche della letteratura novecentesca: il disagio esistenziale, la crisi delle certezze fondamentali, l'assenza di verità ultime cui fare affidamento. I testi montaliani qui antologizzati e commentati, sanno ricreare sia il paesaggio esterno contemplato dal poeta sia quel mondo interno che, quotidianamente, si confronta con quel "male di vivere" che proprio negli Ossi di seppia è stato diagnosticato per la prima volta con precisione e magistrale puntualità.

Il corso, curato da Andrea Cortellessa, ripercorre allora a fondo, tra testi ed esercizi, la prima e fondamentale stagione del poeta ligure, presentandone le poesie più celebri e famose.

domande

RELATORI

ISCRITTI

+ altri 341

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968