Fisiologia cellulare

Omeostasi: equilibrio interno di un organismo

A cura di:

13681 visite

0 domande

L’omeostasi è la tendenza naturale al mantenimento di un relativo stato di equilibrio interno delle proprietà chimico-fisiche di un organismo. I meccanismi omeostatici agiscono a livello delle cellule, dei tessuti e degli organi e riguardano diversi parametri: la temperatura corporea, il pH del sangue, il battito cardiaco, la pressione sanguigna, la concentrazione di glucosio nel sangue (o glicemia), e molti altri.

Esistono due diversi meccanismi per regolare l’omeostasi: il feedback negativo e il feedback positivo.
Il feedback negativo è il sistema di retroazione principale di tutta l’omeostasi e consente di produrre un cambiamento opposto allo stimolo iniziale, facendo sì che il prodotto finale di un processo inibisca il processo stesso. Il feedback positivo, al contrario, consente di accelerare o intensificare un processo in seguito agli stimoli ricevuti.
La regione cerebrale più importante per il mantenimento dell’omeostasi è l’ipotalamo, che a sua volta agisce tramite il sistema endocrino, il sistema nervoso autonomo e il sistema motivazionale. Altri organi coinvolti nel mantenimento dell’omeostasi sono il fegato e i reni.

Problemi nel mantenimento dell’omeostasi possono portare a una condizione di squilibrio omeostatico, legato a diverse malattie come il diabete, l’ipoglicemia, l’iperglicemia, la gotta e la disidratazione. Anche l’invecchiamento è causa di squilibrio omeostatico.

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questa lezione!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

Sai rispondere
a queste domande?

Qui non ci sono ancora domande.

Visualizza altre domande o

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968