Storia dell'arte

Video su Storia dell'arte

Bellotto e Canaletto: la realtà riflessa

A cura di:

1558 visite

0 domande

Lo studio della luce ha origini molto antiche; ne troviamo traccia nell’antica Cina, con i primi esperimenti sull’immagine capovolta; poi negli studi dell’ottica di Euclide e nel Medio Oriente dove per la prima volta viene teorizzato il “cono ottico”. La camera ottica (detta anche "camera oscura"), viene utilizzata da Leonardo Da Vinci e poi dal famoso astronomo tedesco Keplero. In pittura l’utilizzo della camera ottica apre le porte a una rivoluzione: rende possibile una rappresentazione di città e paesaggio molto più fedele alla realtà, benché sempre idealizzata. Canaletto e Bellotto utilizzano questo strumento per immortalare la bellezza e la posizione degli elementi architettonici e naturali, unendo al loro stile i desideri dei committenti. La camera ottica si rivela molto utile nella produzione di bozzetti preparatori alle opere: Canaletto ricalca l'immagine rovesciata su più fogli, per poi unirli e costruire una rappresentazione panoramica; Bellotto, invece, svolge tutto il lavoro su un unico foglio.

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questa lezione!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

RELATORI

Sai rispondere
a queste domande?

Qui non ci sono ancora domande.

Visualizza altre domande o

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968