Alessandro Manzoni

Video su Alessandro Manzoni

Manzoni: vita e opere, dalla nascita alla conversione

A cura di: Alessandro Mazzini

7218 visite

0 domande

Riassunto della vita e delle opere di Alessandro Manzoni, dalla nascita alla conversione al cattolicesimo. A cura di Alessandro Mazzini.
 
Alessandro Manzoni nasce il 7 marzo 1785 a Milano. Frutto di una relazione adulterina di Giulia Beccaria, figlia del letterato illuminista Cesare Beccaria, viene riconosciuto dal conte Pietro Manzoni per evitare lo scandalo. In seguito alla separazione dei due coniugi, Alessandro è costretto a lasciare la madre. Nel 1795 Giulia Beccaria comincia a convivere con Carlo Imbonati, con cui presto si trasferisce a Parigi. Alessandro Manzoni viene inviato a studiare in collegi religiosi dal 1791 al 1801. La sua formazione intellettuale, spontaneamente illuministica e razionalistica, lo porterà a intrattenere una serie di rapporti con Vincenzo Cuoco, che nel 1801 aveva pubblicato un saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, il cui fallimento attribuiva all'astrattezza del movimento illuminista.
Uscito dal collegio, Manzoni manifesta un atteggiamento di disgusto nei confronti dell'insegnamento tradizionale e religioso, e si avvicina a posizioni giacobine. Nel 1801 compone il poemetto il Trionfo della libertà, imbevuto di sentimenti democratici e anticlericali.
Dal 1801 al 1804 vive con il padre nella Milano napoleonica, dove si cimenta con una produzione letteraria ispirata ai principi del neoclassicismo e da ideali democratici, ma presto manifesta la sua insoddisfazione per l'evoluzione politica del regime napoleonico. A Milano conosce e frequenta Vincenzo Monti, che ospite una volta di Giulia Beccaria a Parigi, ha modo di parlare a Carlo Imbonati di Manzoni, il quale decide di invitarlo nella capitale francese. Ottenuto il permesso del padre, Alessandro Manzoni si prepara a partire, ma nella primavera del 1805 lo raggiunge la notizia della morte di Carlo Imbonati. Giunto a Parigi, ha il primo incontro con la madre, con la quale scoppia un vero e proprio amore. Rimane a Parigi fino al 1810 e, durante il suo soggiorno, in omaggio alla madre e alla figura di Carlo Imbonati pubblica il carme In morte di Carlo Imbonati in endecasillabi sciolti. Nel carme il poeta immagina un'apparizione in sogno di Imbonati che gli impartisce precetti di virtù utili per la sua attività letteraria.
 
A Parigi entra in contatto con il gruppo degli "idéologues", intellettuali che ripensavano criticamente i presupposti e gli esiti della Rivoluzione. Concentravano la loro attenzione sul contrasto tra natura e società, nella consapevolezza dell'influenza della tradizione e della storia. Respingevano il predominio assoluto della ragione e vivevano criticamente il fallimento degli ideali illuministici. Importante per Manzoni fu Claude Fauriel, suo punto di riferimento costante. Alessandro Manzoni, a contatto con questo ambiente, manifesta la sua insoddisfazione per l'Illuminismo e i suoi esiti, e alimenta il suo desiderio di aderire a valori che fossero assoluti e collettivi, ponendo così le premesse per quel clima spirituale e intellettuale, che lo porterà alla conversione sia di tipo religioso, sia intellettuale del 1810. Nel 1808 Manzoni si sposa a Milano con Enrichetta Blondel con rito calvinista (Enrichetta proveniva da una famiglia di fede calvinista). Enrichetta Blondel entra in contatto con un prete giansenista di Genova, l'abate Degola, avvicinandosi così alla fede cattolica. Nel 1810 viene celebrato nuovamente il matrimonio con Manzoni secondo il rito cattolico. Nello stesso anno Enrichetta e Alessandro assistono al matrimonio tra Napoleone e Maria Luigia d'Austria. Nel trambusto della festa Manzoni perde di vista la moglie, e viene colto da una crisi d'angoscia, crisi che da allora lo accompagneranno sempre sotto forma di agorafobia. A quanto si racconta Manzoni si sarebbe rifugiato nella chiesa di San Rocco e per la prima volta avrebbe pregato Dio. Episodio molto famoso che riduce a un momento eccezionale una storia di pensieri ed emozioni ben più complessi di cui Manzoni non parlò mai.
 
Alessandro Mazzini è professore di Greco e Latino presso il Liceo Classico Manzoni. Si è laureato in Letteratura Greca con il professore Dario Del Corno presso L'Università degli Studi di Milano. Ha collaborato con riviste di divulgazione culturale e ha insegnato per 10 anni Lingua e Letteratura Italiana e Lingua e Letteratura Greca presso il Liceo della Scuola Svizzera di Milano. Dal 2001 è ordinario di Italiano e Latino nei Licei e dal 2003 ordinario di Greco e Latino al Liceo Classico.

TI SEI PERSO QUALCOSA? ECCO IL TESTO DEL VIDEO

Nella primavera del 1810 iniziano comunque i colloqui regolari tra Enrichetta e l’abate Degola, ai quali vuole assistere anche Manzoni in silenzio, dopo i quali incontri Enrichetta doveva scrivere un ristretto dei temi trattati e così decise anche Manzoni di fare, pur non essendogli richiesto. Questo percorso di avvicinamento alla fede che coinvolse sia Enrichetta sia Alessandro coinvolse anche la madre Giulia, per cui tutta la famiglia approdò alla fede cattolica. E si innestò in questa conversione familiare un clima molto peculiare nel modo i cui veniva vissuta questa esperienza da parte della famiglia intera. Per Manzoni, in particolare, la religione e la vita familiare rappresentarono l’approdo ad un porto sicuro per vincere i tormenti di una personalità inquieta, in contrasto con una forte esigenza di autorità, un modo per superare l’angoscia, probabilmente subìta durante la separazione tra mondo materno e mondo paterno che aveva affrontato durante l’infanzia. La sua famiglia diventerà una famiglia molto numerosa, la cui vita sarà organizzata intorno al Manzoni, per preservarlo dalle difficoltà e dai fastidi quotidiani e per salvare il suo spazio intellettuale. Nel giugno 1810 tutta la famiglia si trasferisce definitivamente in Italia. Tornerà a Parigi il Manzoni soltanto fra il ‘19 e il ‘20 per curare i propri disturbi nervosi, ed in questa occasione incontrò uno storico che ebbe una significativa importanza nella sua evoluzione intellettuale, Augustin Thierry. Su indicazione di Degola si affidano come guida spirituale al canonico Luigi Tosi, anch’egli giansenista, che avrà una grande influenza sul Manzoni suggerendogli anche iniziative e compiti culturali. Casa Manzoni a Milano era frequentata da esponenti dell’aristocrazia e del mondo intellettuale, come Visconti, Tommaso Grossi, e conseguentemente Manzoni seguì con interesse gli sviluppi del movimento romantico milanese sostenendo con la sua approvazione l’esperienza de Il Conciliatore che cominciava la sua pubblicazione nel 1818, anche se nonostante l’invito non vi collaborerà direttamente. Un atteggiamento analogo, cioè di impegno, ma sempre nella retroguardia, senza un diretto coinvolgimento, Manzoni lo manifestò nei confronti della questione politica. Manzoni mantiene un atteggiamento ad un tempo di partecipazione nei confronti dell’evoluzione politica italiana, ha simpatia per i possibili sviluppi in senso nazionale della situazione politica, ma evita di intervenire in prima persona. Seguirà ad esempio con entusiasmo gli avvenimenti del ’21 e ne fa testimonianza l’ode Marzo 1821, ma senza una partecipazione diretta. La stessa cosa avverrà per gli avvenimenti del ’48, che seguirà da vicino e con grande partecipazione, ma senza prendervi parte. Proprio del ’48, per capire la complessa situazione interiore del Manzoni davanti a ciò che condivideva, ma al quale non partecipava, si registra il fatto che venne nominato al Parlamento subalpino, ma rifiutò la nomina. Ed in questo senso una lettera, a cui arriveremo, che è molto interessante per definire l’atteggiamento complesso e problematico di Manzoni nei confronti dlela questione politica. Nel frattempo nel 1812, a seguito del cambiamento profondo intervenuto in Alessandro Manzoni a seguito appunto della conversione, inizia il periodo più creativo di Manzoni. A partire dal 1812 egli si cimenterà in una intensa attività letteraria e saggistica sulla quale spesso non ci si sofferma mai abbastanza, cioè sulla intensità con la quale Manzoni lavora a diverse opere, sostanzialmente portandole avanti in parallelo e perseguendo con coerenza estrema ed estrema lucidità, un progetto di rinnovamento delle forme letterarie e delle espressioni letterarie molto prima che cominciasse la polemica tra classici e romantici che data dal 1816. Nel 1812 comincia la composizione degli Inni sacri ed i primi quattro Inni sacri verranno composti dal ’12 al ’15. Dal ’16 al ’20 realizza Il conte di Carmagnola, nel 1819 compone e pubblica le Osservazioni sulla morale cattolica, nel 1820 si ha la Lettera allo Chauvet, nel 1822 i Discorsi sopra alcuni punti della storia longobardica in Italia, nel ’21 le Odi civili, dal ’20 al ’22 Adelchi, nel ’22 La Pentecoste, iniziata nel ’17, ripresa nel ’19 e conclusa nel ’22. Dal ’21 al ’23 si ha la composizione del Fermo e Lucia, nel ’23 la lettera al marchese Cesare d’Azeglio Sul Romanticismo, dal ’24 al ’27 la riscrittura e la pubblicazione dei Promessi Sposi. Quindi il periodo di grande creatività abbraccia l’arco temporale che va dal 1812 al 1827, dopo di che sostanzialmente si avrà un abbandono della letteratura, su cui a suo tempo sarà opportuno riflettere. Nel ’26 inizia la sua amicizia con il filosofo cattolico Rosmini, con cui approfondì i problemi posti dalla riflessione filosofica, che lo porterà ad assumere atteggiamenti dal punto di vista ideologico sempre più rigidi, abbandonando quella prospettiva aperta ed anticonformista che caratterizza invece il periodo della creatività massima dell’autore. Nel frattempo la realizzazione del romanzo lo porta ad approfondire il problema della lingua e questo fece siì che nel ’27 Manzoni si recò a Firenze, famosa la frase “per sciacquare i panni in Arno”, proprio per avere un contatto diretto con il fiorentino che gli appariva la risposta al problema linguistico. In questa occasione ebbe modo di conoscere gli scrittori dell’antologia ed ebbe modo di incontrare Leopardi. L’estrema coerenza e la riflessione inquieta che sempre lo contraddistinguevano lo portano dopo il ’27 ad abbandonare la letteratura e a dedicarsi al lavoro saggistico in campo filosofico e storiografico oltre che agli studi linguistici. Nel 1830 gli nacque l’ultima figlia e dal ’31 in poi con la morte della primogenita inizieranno una serie di lutti che funesteranno la sua vita. Nel 1833 muore la moglie Enrichetta dopo ben 12 gravidanze e 9 figli dei quali 8 resteranno in vita e purtroppo solo due sopravviveranno al Manzoni. Nel 1837 si sposa in seconde nozze con Teresa Borri e questo procurerà all’autore un periodo di nuova serenità che gli consentirà di rivedere i Promessi Sposi e di portarli all’edizione del ’40. Nel 1841 muore la madre e da questo momento in poi una serie di morti dei figli determinerà uno scuotimento profondo nell’interiorità dell’autore. Nel 1861 muore anche la seconda moglie. E nel frattempo però, nel 1860, era stato eletto senatore, appoggiando, come molti cattolici liberali, la politica del nuovo Stato italiano che era ostile al potere temporale dei Papi. In questo senso, quando nel 1872 Manzoni accetterà la cittadinanza del nuovo comune laico romano, questo determinerà una reazione molto risentita da parte dei cattolici reazionari. In qualità di senatore nel 1868, presidente della commissione per l’unificazione della lingua, presentò la famosa relazione Dell’unità della lingua e dei mezzi di diffonderla che sarà alla base della politica di unificazione linguistica portata avanti dal neo-Stato unitario. Venerato come massima espressione della cultura nazionale, dopo l’enorme successo dei Promessi Sposi, condurrà però i suoi ultimi anni in un riserbo sempre più estremo finchè nel 1873, il 22 marzo, a seguito di una caduta all’uscita dalla Chiesa di San Fedele a Milano, il Manzoni morirà. Dopo un anno dalla morte, per celebrare il primo anniversario della morte, Giuseppe Verdi compose la Messa da Requiem.

LEGGI TUTTO

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questo corso!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

RELATORI

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Oilproject Srl P.IVA 07236760968