William Shakespeare

Shakespeare, "La Tempesta": atto terzo, scena seconda

A cura di:

1621 visite

0 domande

Shakespeare utilizza la seconda scena del primo atto de La Tempesta per introdurre i vari personaggi e le loro storie. Prima del passo in analisi, Prospero ha appena raccontato alla figlia Miranda la storia della loro vita e chiama in scena Calibano, che fa così la sua prima apparizione sul palcoscenico. Egli inizia subito col presentare il proprio punto di vista, ovvero che l’isola gli appartiene, avendola avuta in eredità dalla madre, la strega Sicorace. Quando Prospero arrivò sull’isola iniziò a trattarlo con amore e si insegnarono molte cose a vicenda, ma poi Prospero lo tradì e lo imprigionò rendendolo schiavo. Prospero e Miranda ribattono esponendo la propria visione della storia, diametralmente opposta. Ovvero che Prospero e Miranda trattarono Calibano come un figlio, un fratello, un membro della famiglia, lo ospitarono nella propria casa, gli insegnarono a esprimersi nella loro lingua e per tutta risposta egli cercò di stuprare Miranda.
Calibano reagisce allora con la celebre affermazione “You taught me language; and my profit on't / Is, I know how to curse”, che mostra come egli non volesse essere istruito e come l’istruzione ricevuta si sia rivelata inutile se non addirittura nociva.
L’intero brano mostra l’acceso dibattito che si pone alla base del colonialismo – e anche, sorprendentemente per l’epoca, del postcolonialismo – ovvero se sia lecito imporre la propria cultura ai popoli colonizzati e quando bene essi possano trarre da tale imposizione.

 

William Shakespeare, The Tempest, Act 1 Scene 2
CALIBAN
    I must eat my dinner.
    This island's mine, by Sycorax my mother,
    Which thou takest from me. When thou camest first,
    Thou strokedst me and madest much of me, wouldst give me
    Water with berries in't, and teach me how
    To name the bigger light, and how the less,
    That burn by day and night: and then I loved thee
    And show'd thee all the qualities o' the isle,
    The fresh springs, brine-pits, barren place and fertile:
    Cursed be I that did so! All the charms
    Of Sycorax, toads, beetles, bats, light on you!
    For I am all the subjects that you have,
    Which first was mine own king: and here you sty me
    In this hard rock, whiles you do keep from me
    The rest o' the island.
PROSPERO
    Thou most lying slave,
    Whom stripes may move, not kindness! I have used thee,
    Filth as thou art, with human care, and lodged thee
    In mine own cell, till thou didst seek to violate
    The honour of my child.

 

CALIBAN
    O ho, O ho! would't had been done!
    Thou didst prevent me; I had peopled else
    This isle with Calibans.
MIRANDA
    Abhorred slave,
    Which any print of goodness wilt not take,
    Being capable of all ill! I pitied thee,
    Took pains to make thee speak, taught thee each hour
    One thing or other: when thou didst not, savage,
    Know thine own meaning, but wouldst gabble like
    A thing most brutish, I endow'd thy purposes
    With words that made them known. But thy vile race,
    Though thou didst learn, had that in't which
    good natures
    Could not abide to be with; therefore wast thou
    Deservedly confined into this rock,
    Who hadst deserved more than a prison.

CALIBAN
    You taught me language; and my profit on't
    Is, I know how to curse. The red plague rid you
    For learning me your language!

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questa lezione!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

Sai rispondere
a queste domande?

Qui non ci sono ancora domande.

Visualizza altre domande o

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968