Allegria di naufragi

"Veglia" di Ungaretti: parafrasi del testo

A cura di

202006 visite

0 domande

Parafrasi

Analisi

Questa poesia di Giuseppe Ungaretti fa parte della sezione intitolata Il porto sepolto all'interno della raccolta L'allegria nell'edizione del 1931. La data in cui il poeta l'ha composta ci indica immediatamente che anch'essa fa parte delle “poesie di guerra” che Ungaretti scrisse mentre si trovava soldato al fronte in occasione della prima guerra mondiale. In questi brevi versi scopriamo tutta l'intensità di quel sentimento di allegria che l'uomo prova nel momento in cui sfugge la morte e che dà il titolo all'intera opera. Sdraiato accanto a un commilitone morto il poeta avverte più forte che mai la presenza della morte nella vita umana, ma reagisce scrivendo “lettere piene d'amore” e celebrando il proprio attaccamento alla vita.

Dal punto di vista stilistico, notiamo la tipica tensione verso l'essenzialità da parte di Ungaretti e la brevità del testo, tutto incentrato sull'uso del participio passato.

Metro: versi liberi, intessuti di richiami fonici e da ricorrenti rime o assonanze non regolate. Evidente anche l’insistenza su alcuni suoni forti e duri, come quello della della dentale - t - o della - r - (“intera nottata”, v.1; “buttato”, v. 2; “massacrato”, v. 4; “penetrata”, v. 10; “attaccato”, v. 16).

 

Cima Quattro il 23 dicembre 1915 1 

Un’intera nottata
buttato vicino
a un compagno
massacrato 2
con la sua bocca
digrignata 3
volta al plenilunio
con la congestione 4
delle sue mani
penetrata
nel mio silenzio
ho scritto
lettere 5 piene d’amore.

Non sono mai stato
tanto
attaccato alla vita 6.

Un’intera nottata
sdraiato accanto
ad un compagno
massacrato
con la sua bocca
contratta dalla morte
rivolta verso la luna piena
con il gonfiore e il rossore
delle sue mani
penetrato
nel mio intimo
ho scritto
lettere piene d’amore.

Non sono mai stato
tanto
attaccato alla vita.

 

1 L’indicazione in calce al componimento di data e luogo di stesura di ogni pezzo del Porto sepolto rende la raccolta ungarettiana una sorta di diario lirico della guerra, in cui trasporre, a brandelli e per immagini strappate alla massacrante vita del fronte, tutto l’orrore del conflitto e tutto l’attaccamento alla vita che ne consegue.

2 massacrato: l’uso costante di participi passati dà forma alla struttura sintattica del testo, secondo una tecnica (applicata anche in altre poesie quali Fratelli e Sono una creatura) che Ungaretti recupera dal Futurismo marinettiano.

3 I frequenti “a capo” che isolano le parole rendono la lettura del testo frammentata e tragica, isolando i termini-chiave della poesia: “massacrato” (v. 4), “digrignata” (v. 6), “penetrata” (v. 10), tutti participi passati che indicano il passaggio analogico dall’orrore della guerra alla riflessione intima del poeta (“nel mio silenzio”, v. 11).

4 la congestione: emerge qui l’attenta ricerca ungarettiana sul lessico (e sui connessi effetti ritmico-sonori), per comunicare tutta la drammaticità della guerra: “buttato” (v. 2), “massacrato” (v. 4), “digrignata” (v. 6), “congestione” (v. 8).

5 lettere: queste lettere sono metaforicamente indirizzate a tutta l’umanità, con la quale il poeta, proprio in un momento di estrema difficoltà, riscopre un profondo senso di fratellanza.

6 La poesia ungarettiana, soprattutto quella della fase del Porto sepolto, si gioca anche su studiati effetti grafici; in questo caso lo spazio bianco che isola i tre versi finali contribuisce a sottolinearne meglio il messaggio, che suona quasi come una sentenza assoluta: anche nell’orrore della guerra, non viene meno l’amore (e l’attaccamento) a ciò che resta della vita.

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questa lezione!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

RELATORI

Sai rispondere
a queste domande?

Qui non ci sono ancora domande.

Visualizza altre domande o

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968