Filosofia medievale

Boezio: la vita e il "De consolatione philosophiae"

A cura di:

511 visite

0 domande

Severino Boezio (475-525) viene incarcerato a Pavia con la falsa accusa di aver partecipato ad una congiura contro Teodorico. Uomo della politica romana, console e senatore, Boezio è profondamente immerso nei meccanismi del potere e resta intrappolato nelle maglie degli intrighi di corte. Boezio si trova costretto a lasciare improvvisamente i suoi doveri e la sua quotidianità e, dopo un lungo processo, viene condannato a morte. Durante l'anno di prigionia che precede la condanna, Boezio scrive il De consolatione philosophiae, la sua opera più celebre. Allievo del neoplatonico Porfirio ad Atene, Boezio studia in lingua greca e lungo tutta la sua vita si dedicherà alla divulgazione in latino delle opere dei maggiori pensatori greci. Sue, per esempio, le traduzioni di Aristotele. La sua più famosa traduzione però è il Commento all'Isagoge, di Porfirio, che accende il dibattito sulla questione degli universali che infiammerà il dibattito filosofico medievale.

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questa lezione!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

Sei nel corso di

RELATORI

Sai rispondere
a queste domande?

Qui non ci sono ancora domande.

Visualizza altre domande o

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968