Settecento

Video su Settecento

Metastasio: vita e opere

A cura di:

1231 visite

0 domande

Pietro Metastasio (1698-1782), il cui vero cognome è Trapassi, studia a Roma con il fondatore dell’Accademia dell’Arcadia, Vincenzo Gravina, a cui deve l’avvicinamento ai classici e la scelta del nuovo pseudonimo. In viaggio in Calabria, nel 1717 Metastasio scrive la sua prima tragedia, Giustino, e una serie di componimenti poetici. Alla morte di Gravina, Metastasio decide dunque di trasferirsi a Napoli, dove viene attratto dall’ambiente teatrale e musicale della città. Qui nascono l’Endimione e gli Orti esperidi, ma il suo primo melodramma di successo è la Didone Abbandonata, del 1724. Nel 1730 viene richiamato alla corte di Carlo VI a Vienna, dove si occupa dell’organizzazione di feste e spettacoli e scrive La passione di Cristo, un’azione sacra, Il tempio dell’eternità, una festa teatrale, e il melodramma Demetrio. Al periodo viennese appartiene anche il celebre melodramma del 1733, Olimpiade, con cui Metastasio raggiunge il suo massimo livello compositivo.

domande

Signor Wolf
Risolve problemi
su Oilproject dal 1994

Non c'è nessuna domanda su questa lezione!

Se ne hai una scegli una lezione e clicca "Hai dubbi?"

Sei nel corso di

RELATORI

Sai rispondere
a queste domande?

Qui non ci sono ancora domande.

Visualizza altre domande o

Contatti Pubblicità Quality policy Note legali Cookie policy Oilproject Srl P.IVA 07236760968